cosa si prova sul palco?

L’emozione prima di salire su un palco c’è e ci sarà sempre ,

questo perché se si crede nella propria musica è pur vero che si teme il giudizio altrui.

Quello che cambia lo si ha nel trasformare questa sensazione in carica ed energia ma per questo occorre esperienza.

Ancora ricordo il primo saggio la paura era assolutamente paralazzittante una sorta di terrore della ghigliottina in piazza.

Finita la tortura (una performance di 3 minuti) sembra durare 5h si è scossi quasi scioccati.

Più aumentano le esibizioni in pubblico più si comincia a provare una sensazione di gratificazione alla fine di ogni concerto , fino ad arrivare al bisogno di quella sensazione una sorta di droga fortissima.

Accade poi che si desidera sempre più un pubblico numeroso , più gente c’e più ti carichi .

La concentrazione non deve mai mancare onde evitare errori dettati da troppa sicurezza.

Nel mio ultimo Tour accadeva una cosa strana, ero rilassato durante la giornata del live ma come per magia a due ore dal concerto mi scattava una sorta di chiusura verso tutto il mondo esterno, entravo nel clima partita.

Una sensazione assolutamente particolare difficile da raccontare, ma sicuramente vinceva il forte desiderio di stare solo con me stesso per trovare quella sensazione di pace.

Una volta iniziato il concerto tutto si gioca nei primi 50 secondi.

La partenza è tutto.

Una falsa partenza può deconcentrare e innervosire.

La scaletta

Sicuramente in uno spettacolo altra cosa decisiva è la scaletta, io sono fermamente convinto che la gente ricorda bene inizio e fine di uno spettacolo quello che sta nel mezzo è semplicemente emozione.

Mi è capitato di tappare clamorosamente la scelta del brano finale e la gente come per incanto ha criticato tutto il concerto.

Le fasi

1 concentrazione pre concerto

2 scelta della scaletta

3 qualsiasi errore durante il live non va assolutamente sottolineato con assurde espressioni

4 ricordatevi che quando siete sul palco potete fare tutto quello che sentite

5 una volta che siete sicuri sbattetevene del giudizio altrui

Alimentazione

ricordatevi di non mangiare troppo prima di esibirvi, inoltre fate attenzione all’alcol , in molti credono che sia di forte aiuto per disinibirsi, io dico non più di un bicchiere di vino perché altrimenti si rischia di andare in blocco ma dipende anche dal contesto ?.

Controindicazioni possibili.

Dopo un concerto l’Adrenalina non vi farà dormire e ultimamente io ho avuto crampi alle gambe dovuti alla troppa tensione.

Buona musica

Gianluca Ricciardi